Alimentazione e gravidanza

Enrico Colosi
 Alimentazione e gravidanza
Ab Ovo Edizioni, pagg. 91, Euro 14,90



  IL LIBRO - Non solo siamo quel che mangiamo, ma diventeremo quel che mangiano le nostre mamme.

 Ecco perché la gravidanza è un momento decisivo per rivedere la propria alimentazione in funzione del benessere e della salute, presenti e futuri, di mamma e bambino.


  Il dottor Enrico Colosi, direttore dell'unità operativa di Fisiopatologia della Riproduzione Umana e del Centro PMA di Grosseto, mette a disposizione la sua decennale esperienza, nonché le ricerche condotte tra le popolazioni dell'Amazzonia e del Venezuela, per spiegare in modo estremamente chiaro come l'alimentazione moderna occidentale, eccessivamente ricca di zuccheri e cibi processati, insieme allo stile di vita, sia coinvolta nella causa di moltissime malattie che in modi diversi minano la nostra salute fin dal ventre materno.

  Analizzando l'importanza dell'epigenetica, il cambiamento di metabolismo determinato da ragioni evolutive, il problema dell'obesità durante la gravidanza e, infine, l'infiammazione cronica silente alla base di tutte le patologie legate alla gestazione, Colosi dimostra quanta responsabilità abbiano i cibi di cui ci nutriamo in questi meccanismi, infondendo la motivazione necessaria per compiere cambiamenti importanti nello stile alimentare, spesso in contrasto con le nostre abitudini o con luoghi comuni tanto diffusi quanto scientificamente infondati.

  Ma qual è l'alimentazione "giusta", non solo per una futura mamma?

Musichiamo

M. Oddi e F. Rizonico

Musichiamo
Edizioni Lapis, pagg. 228, Euro 15,00



  IL LIBRO - "Musichiamo" è un percorso di educazione alla musica, al ritmo e alla coordinazione motoria per i bambini del Nido e della Scuola dell'Infanzia.

 Nato dall'esperienza sul campo di due esperte di educazione musicale, il percorso si articola in una progressione di esercizi e giochi di gruppo in cui si sperimenta la combinazione di musica e movimento. 

 Grazie a semplici ma efficaci tecniche espressivo-corporee integrate dall'uso del CD allegato al volume, i bambini apprendono i concetti di base del linguaggio musicale e vengono guidati nello sviluppo dell'ascolto, del canto, del senso ritmico e della coordinazione motoria, arricchendo così il loro patrimonio espressivo. 

  All'interno del volume, una storia illustrata da leggere ad alta voce e da animare insieme ai bambini con apposite melodie e coreografie.

  UN BRANO - "Una volta che i bambini avranno imparato gli propedeutici potete passare agli esercizi di educazione musicale sui contrasti.

Ricordate: iniziate con la sequenza di esercizi di yoga, in modo da creare la giusta concentrazione. I bambini saranno seduti in cerchio sul loro cuscino, voi con la loro ma a terra. Le prime volte eseguirete gli esercizi insieme ai bambini, poi lascerete che il svolgono da soli. 

Chi ha paura della matematica?

L. D. Pozzi

Chi ha paura della matematica? 2

Erickson, pagg. 56, Euro 7,90


IL LIBRO - Una serie divertente per favorire l'apprendimento attivo della matematica attraverso il gioco e l'uso dei colori.

  Ciao, sono la mummia Murdoc! Entra nella mia piramide e scopri insieme a me e ai miei amici mostruosi un modo davvero originale per esercitarti con i numeri fino al 100. Colora i buffi personaggi, attraversa indenne i labirinti e divertiti con gli stickers e con Dante il camaleonte, l'animaletto di tutti i col che adora giocare a nascondino! Quando avrai finito, la mia piramide... e anche la matematica., non faranno più paura!

- 36 schede con giochi per esercitarsi nelle addizioni e sottrazioni entro il 100

- gli stickers colorati per trasformare la paurosa piamide di Murdoc
- le soluzioni degli esercizi

UN BRANO - I questo viaggio ti accompagnerà anche  Dante il Camaleonte.
  Dante è un pò pauroso e si nasconde 
sempre nei posti più impensabili,
Ma se fai bene attenzione puoi riuscire a vederlo 
sbucare qua e là. cercalo e prova a contare

La pianta che può curare Alzheimer e problemi di memoria

 

  Il rosmarino è delle piante aromatiche più utilizzate in cucina per il suo inconfondibile sapore e aroma, ma oltre ad essere una pianta aromatica essa è anche una pianta medicinale grazie alle tantissime proprietà benefiche utili per l’organismo e per il suo buon funzionamento. 

  Antinfiammatorio ed antidolorifico

Il rosmarino potrebbe essere utilizzato per alleviare mal di testa, emicranie, dolori reumatici, del nervo sciatico e delle contusioni.

Antiossidante

Il rosmarino contiene una buona percentuale di flavonoidi che bloccano l’ossidazione delle cellule e riducono la diffusione e la produzione dei radicali liberi.

Ricostituente

Il rosmarino potrebbe essere utilizzato per chi è fortemente debilitato, per chi soffre di depressione e per chi risente maggiormente lo stress.

Antisettico

L’olio essenziale del rosmarino potrebbe essere utilizzato anche per eliminare i batteri e per alleviare i sintomi influenzali quali tosse, raffreddore e tosse.

Protezione epatica

Tecnologia Wifi: Un Killer silenzioso che ci uccide lentamente


 
  Tecnologia Wifi: Un Killer silenzioso che ci uccide lentamente  Ormai tutti siamo più che consapevoli che siamo totalmente dipendenti da internet, e sopratutto in particolare dalla rivoluzione della connessione Wifi, senza fili, grazie alla quale è possibile collegarsi senza filo alla rete di casa e perfino in strada.
Nonostante i produttori di router wireless debbano rispettare specifiche norme per tutelare la salute degli utenti, ad oggi non si ha ancora la certezza rispetto alle conseguenze che questa tecnologia riserva al nostro organismo.
  Basta chiedersi, per avere un’idea di cosa stiamo parlando, in che modo i dispositivi come smartphone, tablet e computer interagiscono con il router. Ovviamente è noto: ciò avviene attraverso la trasmissione di segnali WLAN (onde elettromagnetiche).
In altre parole, siamo circondati da onde elettromagnetiche provenienti da ogni dove – e ciò non può che influire sul nostro corpo. Secondo uno studio condotto dalla British Health Agency, i router senza fili hanno un impatto negativo sulla crescita dell’essere umano e sulla vegetazione.

  Le conseguenze dell’esposizione al WiFi
scarsa capacità di concentrarsi
disturbi del sonno
mal di testa cronico
disturbi all’udito
stanchezza cronica

  Le nuove tecnologie hanno un ruolo fondamentale nelle nostre vite, dunque sconsigliare l’utilizzo delle connessioni e dei dispositivi wireless risulta alquanto anacronistico e fuori dalla realtà attuale. Proprio per questo motivo, ciò che resta da fare è prendere qualche precauzione per ridurre il danno subito dal nostro corpo.
A casa non posizioniamo il router nella camera da letto o in cucina, essendo queste le stanze in cui si trascorre gran parte del tempo all’interno di un’abitazione. Quando non in uso, semplicemente spegniamo il router: in questo modo evitiamo di esporre noi e la nostra famiglia ad inutili onde elettromagnetiche. Inoltre, se a casa utilizzate un solo computer per navigare in internet, spegnete la funzione WiFi e collegate il router al pc attraverso un cavo. Infine, prima di andare a dormire scollegate tutti i dispositivi wireless.



Partorire dopo un cesareo

Verena Schmid

Partorire dopo un cesareo

Terra Nuova Edizioni, pagg. 212, Euro 16,50




  IL LIBRO - Dare alla luce un figlio con parto naturale dopo aver già subito in precedenza un cesareo è possibile? Questo libro risponde a questa difficile domanda.
In Italia avvengono più parti cesarei che nel resto d'Europa. Partorire naturalmente dopo un cesareo è quindi un tema attualissimo, ma spesso questa possibilità è gravata da paure e pregiudizi, oppure non viene neppure presa in considerazione.
Al contrario, questo libro sostiene che una donna precesarizzata sana e motivata, se assistita in modo fisiologico, ha più possibilità di partorire normalmente rispetto a una primipara.
A partire dalla propria esperienza e da numerosi studi scientifici le autrici -ostetriche, medici, avvocate e filosofe - smontano i luoghi comuni e offrono molteplici strumenti per conoscere e per contrattare i propri diritti, e per decidere come scegliere una nascita ben assistita e ben vissuta.
Un volume rivolto alle ostetriche, ai medici e alle future mamme e papà che vogliono informarsi; perché un parto vissuto con le proprie forze può assumere per la donna un valore di riscatto e di guarigione dal trauma precedente.

  UN BRANO - "Tuttavia, possono sorgere domande su come questo tipo di paradigma possa essere attuato in un sistema sanitario estremamente sotto pressione e sovraccarico, dove protocolli e procedure sono i punti cardine dell'efficienza, dove l'attenzione alle ripercussioni medico legali è sempre più alta (Lipkin, 2013).
Per questo motivo, quando si discute dell'ipotesi del HBAC, è fondamentale tenere in

La scomparsa dell'ombelico

E. De Turckheim  

La scomparsa dell'ombelico

Edizioni Clichy, pagg. 224, Euro 15,00

  IL LIBRO - «Da 255 giorni ormai, tu cresci e io ingrasso. Ti porto dentro di me. All’inizio non eri pesante, non abbastanza. Era difficile capire come vestire il tuo corpo da granello di sabbia. Se nasci oggi, non ti mancheranno tessuti morbidi con cui ricoprire la tua pelle appena uscita dall’acqua, pesciolino mio, bambino mio. Mi domando se hai capelli. Tuo fratello non ne aveva, o al massimo molto chiari e fini che si notavano solo carezzandogli la testa. Dentro di me puoi restare ancora un po’. Ho appeso dei fiori. Sono al sole, nel nostro nuovo giardino tascabile. Ci sdraieremo sul lettino. Tu prenderai il mio seno nella tua bocca. Ce ne staremo lì, ad ascoltare Parigi».

Appena scopre il risultato del suo test di gravidanza, Émilie inizia a scrivere il suo diario, a cui confida tutto con una sincerità sconvolgente, condividendo tutto con i propri lettori, gli aneddoti quotidiani, le amicizie, gli amori presenti e passati, il rapporto con il figlio già nato e che in quel momento ha soltanto due anni… e soprattutto l’emozione del suo incontro con la piccola susina che ogni giorno cresce in quella pancia che ogni giorno diventa più rotonda, fino a far scomparire l’ombelico. Émilie ha mille vite, è scrittrice, modella, mamma, ama il sesso, i viaggi, i cactus e i dolci alle mandorle. Si ride, si piange, si segue il suo percorso entrando in un romanzo che racconta senza tabù né finzioni una vita e un universo intimo che si trasformano in esperienza universale. Vincitore del Prix Roger Nimier 2015.

UN BRANO - Credo sia un killer
  
  29 settembre
Apro gli occhi: niente. Ecco dal letto, faccio tre passi e ancora niente. Tento il diavolo, mi

Mamma sto male

S. Mezzera, S. Segantini e V. Selva
Mamma sto male
Terra Nuova Edizioni, pagg. 192, Euro 14,50


  IL LIBRO - Una tosse che non fa dormire, un raffreddore che non passa, una contusione che provoca dolore, i pidocchi che ritornano... Sono tante le occasioni in cui vorremmo avere un medico in famiglia, per affrontare le piccole emergenze che riguardano i nostri figli.

Nel libro 36 schede, in ordine alfabetico, suggeriscono come far fronte ai disturbi più comuni dei bambini con i rimedi omeopatici e fitoterapici e con l’alimentazione naturale, senza trascurare consigli sulla prevenzione.



Una guida pratica di primo soccorso pensata per tutti i genitori, anche per insegnar loro ad ascoltare i figli e per rassicurarli nei momenti più difficili, in attesa del medico.



  UN BRANO – "Si tratta di un’infiammazione della della parte dell'occhio che ricopre la superficie interna della palpebra e il bulbo oculare.
La congiuntivite in forma acuta si manifesta con sintomi come rossore, gonfiore palpebrale, lacrimazione abbondante, prurito, dolore, sensazione di corpo estraneo, vasodilatazione